L'Officina (L'Arte e i Mestieri)
L’Insolito Clan dal vivo

IL caposerraglio dell’Insolito Clan è certamente Fofò Stramandinoli, istigato dal demone della satira, rastizza la chioma, si abbuffa di classici (Gaetano, Gaber, Jannacci) e si fa crescere l’artiglio dello strimpellatore.Iniziano a battere i palchi portando in scena un genere che qualcuno ha definito «cantautorato surreal-contestatario», altri «teatro-canzone», altri ancora «non so, non rispondo», ma che per certo – al di là delle definizioni – agguanta lo spettatore coinvolgendolo dalla testa al bacino. All’inizio del 2005 Ribéss Records porta il gruppo a familiarizzare con le registrazioni in studio e il risultato sono gli ep gemelli Per conoscenza che documentano la scarna, spigolosa e al contempo lisergica esuberanza del gruppo. Seguono concerti sparsi qua e la per la Romagna. Il 2007 è l’anno del primo album vero è proprio. Esce infatti a Novembre “50enne bruno, povero, senza fissa dimora, cerca donna ricca e bella scopo matrimonio” per Ribéss record e Altipiani.Dopo il passaggio dalla romagnola Ribéss Records all’etichetta romana Altipiani fanno uscire il loro secondo lavoro, “Non vi stimo più”. L’album ottiene entusiastiche recensioni da parte dei critici. A Gennaio 2011 il gruppo viene scelto per aprire la rassegna “Generazione X”, organizzata da “Repubblica.it”. Ad oggi il gruppo sta preparandosi ad un nuovo disco che dovrebbe vedere la luce per metà 2012, Maya permettendo….. L’input è sempre lo stesso “chi sei tu? Non so, devo chiedere, te lo faccio sapere!”

In un’epoca in cui la gente consulta con ansia i calendari, riflettendo su pose e santificazioni, qualcuno esce di casa ed ha freddo! Il freddo fortifica l’anima e i reumatismi, ma non fa impennare la vendita di cappelli di lana, l’opinione pubblica apprezza il sacrificio di chi sfida le intemperie e si presenta con pettinature sfavillanti e inattaccabili. E’ dunque questo il nuovo millennio, come quello precedente era il vecchio; l’arte è sostituita da una non precisata forma di arte, l’anziano non è più saggio ma diventa una zavorra da cui liberarsi, la donna è uomo e l’uomo è donna, di conseguenza l’uomo è donna e la donna è donna; le ideologie riprendono forza ma a modo loro; le religioni riprendono forza ma a modo di qualcun altro; molteplici Mastella fanno ancora parte del governo, qualunque esso sia; la libertà è un’ideale irrealizzabile; il water diventa termo riscaldato così da non avere scossoni all’appoggio; gli alberi sono verdi perché qualcuno li dipinge la notte; le strade hanno le buche perché anche i meccanici devono campare; il valore effettivo del denaro non esiste o meglio, il denaro è carta quindi effettivamente vale quanto un album da disegno; l’italiano sarà una lingua ancora per poco, la matematica è la matematica; il futuro è già presente. Dice il saggio:”In questo clima vale la pena ascoltare L’Insolito Clan.” 

  1. oliverpanichi ha rebloggato questo post da officinaartemestieri
  2. postato da officinaartemestieri